Ramia o Ramie

 

 ( TRADOTTO DA UN TESTO INGLESE )

 

La Ramia è una delle fibre vegetali più antiche ed è usata da migliaia di anni.

Era usata in era usata come fodera gia 2000 anni fa dai cinesi, molto tempo prima che il cotone fosse introdotto in estremo oriente.

La fibra di ramia è classificata chimicamente come singola, come il cotone il lino e il Rayon.

I maggiori produttori di Ramia sono la Cina, Taiwan la Corea le Filippine e il Brasile.

Fino a poco tempo fa la ramia era sconosciuta al nostro mercato, ma ora viene usata per molti indumenti: mista a cotone

L’uso della ramia è aumentato verso la metà degli anni 80 con un enfasi per le fibre naturali.

La ramia entrò negli USA senza limiti di Quota per l’importazione , solo nel 1986 fu fatta la legge che limitava l’importazione della ramia.

La ramia è anche conosciuta con il nome di “Erba della Cina ”.

Il processo per trasformare la fibra di Ramia in tessuto è simile a quello usato per fibre tipo il lino.

E’ un’ottima fibra come quella di seta, e naturalmente bianca.

I vantaggi della Ramia:

• resiste all’attacco di vermi, batteri e muffe

• estremamente assorbente

• facilmente smacchiabile dall’inchiostro

• resistente a temperature molto elevate dando ottimi risultati durante il normale bucato

• non restringe

• facile da sbiancare

gli svantaggi della ramia:

• poco elastica

• poco resistente all’abrasione

• aggrinzisce facilmente

• rigida e fragile

 

la ramia mista ad altre fibre:

la ramia è spesso utilizzata mista ad altre fibre per le sue doti di assorbenza, concupiscenza e affinità all’inchiostro.

Mista al cotone lo rende + concupiscente, + resistente e anche la solidità del colore viene migliorata da questo mix.

Mista alla lana aggiunge lucentezza e diminuisce il restringimento del capo.

Utilizzo della Ramia

La ramia è utilizzata spesso nei tessuti essendo molto simile al Lino, si fanno tessuti da camice, da tovaglie, fazzoletti. Spesso utilizzata col cotone per . E’ anche usata per fare le reti da pesca, per i cappelli di paglia .

A carico della Ramia:

I tessuti di Ramia ( o misto Ramia) possono essere lavati , ad acqua o a secco.

L’etichetta con le istruzione di lavaggio indica sempre il modo migliore. Il lavaggio a secco aiuta a mantenere + a lungo la bellezza e l’elasticità del capo evitando la comparsa di pilucchi .

La stoffa di Ramia può essere sbiancata facilmente con candeggina o clorica

Il tessuto di Ramia sopporta temperature tra i 400/450 gradi F per la stiratura

Per riporre capi di ramia, attenzione alle piegature, la fibra di ramia è fragile e tende a spezzarsi e a creare pieghe nel tessuto.

Sono stati condotti studi all’Università dell’ Iowa, che ha rilevato diversi gradi di restringimento del tessuto e a rilevato danneggiamento dovuto all’ asciugatura in tamburo

Non ci sono risultati migliori nemmeno lavando a mano, risultati ottimali si ottengono con tessuti misti a cotone e rayon.